Nuova piscina per l’idroterapia

  • 0
2

Nuova piscina per l’idroterapia

L’idrokinesiterapia o riabilitazione in acqua è una terapia che sfrutta l’elemento acqua (idro) per riabilitare attraverso i movimenti (kinesi) relativi alle tecniche di trattamento.

Gli effetti benefici della terapia in piscina sono innumerevoli: essi infatti riuniscono i benefici relativi all’azione dell’acqua, sfruttandone i principi fisici di galleggiamento,della resistenza,della pressione e l’effetto termico, con quelli veri e propri dell’esercizio fisico, guidato da un idrokinesiterapista.
Le proprietà fisiche dell’acqua sono ormai state riconosciute da lungo tempo, come coadiuvanti e terapeutiche, nel trattamento di disturbi ortopedici (post trauma e post intervento chirurgico ortopedico), neuromotori (paresi, malattie demielinizzanti, morbo di Parkinson), osteoarticolari (mal di schiena, artrosi, osteoporosi), circolatori (insufficienze venose degli arti inferiori), nei postumi di intervento chirurgico alla mammella, nonché nella preparazione al parto o nel recupero post parto.
Il movimento in acqua è inoltre molto indicato per il mantenimento della buona forma fisica e come prevenzione ai danni da sedentarietà e invecchiamento.
La temperatura di circa 30 gradi dell’acqua svolge un ruolo positivo su tutto il corpo umano a livello dei muscoli, delle articolazioni e del sistema nervoso.
Per effetto della spinta di galleggiamento in acqua, la forza di gravità viene contrastata e il peso del corpo subisce una apparente diminuzione. Questa situazione permette di evitare il sovraccarico sulle articolazioni con conseguente maggiore libertà e ampiezza di movimenti, minor sforzo muscolare, una riduzione del dolore durante il movimento, il che determina un più rapido recupero della forza e della funzionalità dei muscoli e consentendo un più agevole movimento anche in condizioni di soprappeso.
La resistenza passiva che l’acqua oppone al movimento sottopone i muscoli ad un lavoro più intenso, migliorandone il trofismo e il controllo motorio.
L’apparente diminuzione del peso corporeo, per effetto della spinta idrostatica, permette inoltre di caricare precocemente e progressivamente sugli arti inferiori nelle patologie ortopediche, recuperando più velocemente la possibilità di deambulare e favorendo anche la funzionalità di vene ed arterie.
L’esercizio in acqua, grazie sempre e soprattutto al lavoro in scarico ponderale, permette al paziente di prevenire quella serie di inconvenienti tipici della fase iniziale della fisioterapia a “terra”, come microtraumi, infiammazioni, versamenti articolari, dolore e affaticamento, che spesso sono causa di interruzione del trattamento, ritardando i tempi di recupero.
La riabilitazione in acqua va considerata parte di un programma riabilitativo ed è, quindi, complementare a tutte le altre metodiche fisioterapiche proponibili, secondo le affezioni del paziente. Ciò significa che di solito un paziente non viene trattato esclusivamente in acqua per raggiungere la guarigione o comunque una condizione di miglioramento del suo stato patologico, ma l’utilizzo dell’acqua a scopo terapeutico permette di anticipare l’inizio della riabilitazione. In questo modo il paziente può raggiungere in tempi più brevi una certa autonomia e trovare, di conseguenza, forti motivazioni per proseguire con maggior entusiasmo la rieducazione.
Tale tempestività di intervento consente a sua volta di anticipare il passaggio alle altre metodiche “a secco” e, di conseguenza, di accelerare i tempi totali di recupero.
Il nostro obiettivo è quello dunque di offrire ai nostri utenti un recupero della funzionalità motoria persa a causa della patologia, ed il ripristino dell’autonomia nella vita quotidiana, in un continuum riabilitativo, iniziando dal trattamento in acqua, per passare eventualmente e successivamente a quello fuori dall’acqua, attraverso l’utilizzo di varie metodiche riabilitative, compreso l’utilizzo delle terapie fisiche strumentali che, insieme al trattamento fisioterapico, rappresentano un buon coadiuvante nel trattamento di un numero consistente di patologie.


Rispondi

Archivi